L’archeomafia. I numeri del 2018

Il mercato clandestino dell’arte, la cosiddetta archeomafia, che alimenta il saccheggio del nostro enorme capitale artistico e archeologico è tra i più fiorenti al mondo e il nostro paese è tra quelli più esposti per la quantità di siti e di opere d’arte. A testimoniarlo, ci sono le opere esposte e le indagini raccontate nella mostra allestita al Quirinale in occasione dei 50 anni del Comando tutela patrimonio culturale dei carabinieri e i numeri che elaboriamo grazie alla collaborazione delle Forze dell’ordine impegnate su questo fronte. Il racket legato alle opere d’arte e ai reperti archeologici nel corso del 2018 ha avuto un andamento piuttosto altalenante: cala per quanto riguarda i furti, segnando un -6,3% rispetto all’anno precedente, ma il dato più importante è la contrazione dei sequestri effettuati (-77,8%) e quella degli oggetti recuperati (-41%). Considerevole il numero dei controlli, che sono stati 33.028, una media di oltre novanta al giorno. La regione più esposta all’aggressione dell’archeomafia è la Campania, con il 16,6% di opere d’arte rubate, mentre a svettare nel bilancio del “tesoro recuperato” ci sono i reperti archeologici che nel 2018 hanno raggiunto la considerevole cifra di 43.021.

L’archeomafia in sintesi
Totale
Furti d’opere d’arte*674
Denunce1.526
Arresti36
Sequestri effettuati in attività di tutela189
Totale oggetti d’arte recuperati60.456
Controlli effettuati33.028
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Carabinieri tutela patrimonio culturale, Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato (2018).
* (aree tutelate da vincoli paesaggistici, aree archeologiche, musei-biblioteche – archivi, esercizi antiquariali, commerciali e privati, mercati e fiere antiquariali, beni culturali controllati in banca dati)
La classifica dell’arte rubata 
 RegioneFurti di opere d’arte% sul totale nazionale
1Campania11216,6%
2Lazio9914,7%
3Emilia Romagna8011,9%
4Lombardia6810,1%
5Toscana527,7%
6Piemonte395,8%

7

Marche385,6%
8Puglia385,6%
9Sicilia294,3%
10Veneto253,7%
11Abruzzo192,8%
12Sardegna162,4%
13Liguria121,8%
14Umbria111,6%
15Calabria111,6%
15Molise101,5%
16Friuli Venezia Giulia81,2%
16Trentino Alto Adige40,6%
17Basilicata20,3%
18Valle D’Aosta10,1%
Totale674100%
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Carabinieri tutela patrimonio culturale, Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato (2018).
Il tesoro recuperato 
TipologiaNumero oggetti
Reperti archeologici interi43.021
Numismatica3.626
Beni Librari e archivistici3.422
Opere false: quadri, dipinti, pitture, disegni a mano, grafica, pittorico, musivo, sculture e altri oggetti antichi2.775
Sculture complete2.456
Vasellame completo1.209
Frammenti reperti archeologici (vasellame, sculture, etc.)1.170
Oreficeria/ Bigiotteria/ Glittica932
Miscellanea386
Armi artistiche310
Oggetti religioso/devozionale90
Reperti paleontologici85
Ebanisteria30
Arte tessile27
Strumenti misuratori del tempo6
Strumenti musicali4
Altri oggetti antichi907
Totale60.456
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Carabinieri tutela patrimonio culturale, Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato (2018).
Il Bussines dell’archeomafia
 Milioni di euro
Stima economica beni culturali recuperati/sequestrati119.734.802
Stima economica falsi recuperati/sequestrati454.468.690
Stima economica altri sequestri effettuati6.300.000
Valore sanzioni penali e amministrative31.276.937
Totale611.780.429
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Carabinieri tutela patrimonio culturale, Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato (2018).