L’archeomafia. I numeri del 2017

Si dice che le opere d’arte siano uno degli investimenti economici più sicuri e remunerativi. Una valutazione che sembra si stia diffondendo tra grandi e piccoli risparmiatori e collezionisti, visto che il settore non conosce crisi, anzi si presenta in ottima salute. Accanto a un settore economico che “tira”, c’è il corrispettivo settore dell’ecomafia, che, come un’ombra, trova spazio nelle pieghe degli scambi ufficiali, ha clienti affezionati, e a sua volta produce ottimi affari per chi sceglie di muoversi nel solco dell’illegalità: il valore del mercato nero internazionale dell’arte è stimato intorno agli otto miliardi di dollari all’anno.
I numeri forniti dalle forze dell’ordine specializzate in questo campo confermano questo scenario: nel 2017 sono stati recuperati 102.406 pezzi d’arte, tra oggetti rubati e opere false, con un aumento del 5,1% rispetto al 2016, contestualmente i furti segnalati sono stati 719 (+26,1%). Sono state denunciate 1.136 persone e ne sono state arrestate 11. I sequestri effettuati in attività di tutela sono stati 851, con un incremento del 554,6%.
Alla Campania il primato regionale dell’illegalità, con 148 furti, il 20,6% del totale, seguita dal Lazio con il 13,4%, dalla Toscana con l’11,8%, dalla Sicilia con il 9,7% e dalla Lombardia con l’8,1%.
Il valore dell’arte recuperata nel 2017, tra oggetti rubati e opere false sequestrate, supera i 287 milioni di euro, mentre il giro d’affari complessivo è stimato in 336.014.209 euro, calcolando anche il valore delle sanzioni e di tutti i beni e attrezzi sequestrati.

L’archeomafia
Cufa – Ctpc – CcGdfCdpCfrPsTotale
Furti d’opere d’arte*4351977863719
Denunce80624178651.136
Arresti9100111
Sequestri effettuati in attività di tutela651197021851
Totale oggetti d’arte recuperati     102.406
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato (2017).
* (aree tutelate da vincoli paesaggistici, aree archeologiche, musei-biblioteche – archivi, esercizi antiquariali, commerciali e privati, mercati e fiere antiquariali, beni culturali controllati in banca dati)
La classifica dell’arte rubata
1Campania14820,6%
2Lazio9613,4%
3Toscana8511,8%
4Sicilia709,7%
5Lombardia588,1%
6Liguria507%
7Puglia385,3%
8Veneto344,7%
9Piemonte304,2%
10Emilia Romagna304,2%
11Calabria172,4%
12Umbria162,2%
13Sardegna141,9%
14Marche101,4%
15Abruzzo81,1%
15Friuli Venezia Giulia71%
16Molise40,6%
16Trentino Alto Adige30,4%
17Basilicata10,1%
18Valle D’Aosta00%
Totale719100%
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato (2017).
Il tesoro recuperato per tipologia
Numero oggetti
Opere false: quadri, dipinti, pitture, disegni a mano, grafica, pittorico, musivo43.871
Numismatica archeologica28.352
Frammenti reperti archeologici (vasellame, sculture, etc.)13.044
Vasellame completo6.058
Beni Librari e archivistici1.837
Miscellanea1.450
Numismatica1.361
Altri oggetti antichi1.173
Reperti paleontologici887
Sculture complete813
Oggetti religioso/devozionale701
Reperti archeologici interi440
Ebanisteria321
Arte tessile238
Strumenti misuratori del tempo89
Armi artistiche53
Oreficeria/ Bigiotteria/ Glittica51
Utensili e utensileria a mano ed altri34
Strumenti musicali3
Filatelia1
Totale102.406
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato (2017).
Il Business  dell’archeomafia
 Milioni di euro
Stima economica beni culturali recuperati/sequestrati54.310.563
Stima economica falsi sequestrati232.715.350
Stima economica altri sequestri effettuati22.022.490
Valore sanzioni penali e amministrative81.276.369
Totale336.014.209
Fonte: elaborazione Legambiente su dati del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri (CUFA), Guardia di finanza, Capitanerie di porto, Corpi forestali delle regioni a statuto speciale, Polizia dello Stato (2017).