Aprile 2016

Controlli a impianti di gestione rifiuti a Palermo. Sequestrati 1.200 kg di rifiuti speciali pericolosi

Il Centro Regionale Anticrimine Agroambientale del Corpo Forestale dello Stato, nell’ambito del Programma Operativo Nazionale 2016, ha avviato da tempo un’attività di controllo in materia di gestione dei rifiuti, sottoponendo a specifici controlli diversi impianti del capoluogo siciliano. Durante il controllo di un impianto di recupero metalli, risultato autorizzato alla sola gestione di rifiuti speciali non pericolosi, sono stati rinvenuti e posti sotto sequestro oltre 1.200 kg di rifiuti speciali pericolosi costituiti da accumulatori al piombo, la cui provenienza e destinazione risultano attualmente ancora ignote.
Il titolare dell’impianto è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi. Nel corso della verifica sono state rilevate e contestate anche infrazioni di carattere amministrativo sulla gestione dei metalli. Ulteriori accertamenti sono in corso per individuare la provenienza dei rifiuti e, soprattutto, la loro destinazione.
Le attività di verifica sulla gestione dei rifiuti del Centro Regionale Anticrimine Agroambientale hanno già prodotto, nel corso di questo mese, l’accertamento e la contestazione, a carico di altri gestori, di sanzioni amministrative per circa 10mila euro. Un soggetto è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per gestione illecita di rifiuti costituiti da motori e compressori di frigoriferi/climatizzatori, contenenti sostanze pericolose.