Febbraio 2015

Valdastico, scorie e rifiuti nei cantieri dell’autostrada

La vicenda risale al 2013, anno in cui in seguito a diverse segnalazioni da parte di gruppi di cittadini e alla morte sospetta di un cane, si era andata sempre più diffondendo negli inquirenti la convinzione che nei cantieri dell’autostrada erano state versate enormi quantità di rifiuti industriali prive di qualunque trattamento. Purtroppo, i risultati dell’incidente probatorio da pochi giorni resi pubblici hanno permesso di accertare che non si trattava soltanto di un’ipotesi investigativa. I periti nominati dal giudice veneziano Andrea Gomez hanno, infatti, confermato che dal 2009, sotto il fondo stradale dell’autostrada A31, la Valdastico Sud, sono stati versati circa 155 mila metri cubi di scorie e di rifiuti non bonificati e potenzialmente nocivi per la salute. Per questa indagine la Direzione distrettuale antimafia di Venezia ha iscritto nel registro degli indagati 27 persone.