Ottobre 2015

La Dia sequestra beni per un milione di euro a pregiudicato gelese

Vendita di frutta e verdura per riciclare denaro sporco.  La Direzione investigativa antimafia ha sottoposto a sequestro i beni  – per un milione di euro – di un cittadino di Gela, condannato per mafia, usura ed estorsione nel 2010 dalla Corte d’Appello di Caltanissetta. Gli accertamenti della DIA, per ricostruire l’entità del patrimonio dell’uomo in relazione agli investimenti effettuati, hanno consentito di rilevare l’acquisizione, tramite l’interposizione fittizia di familiari, di un’attività di commercio all’ingrosso di frutta e ortaggi, risultata fondata sul reinvestimento di proventi illeciti.