Settembre 2015

Bari, sequestrate 35 tonnellate di conserve alimentari avariate

I Carabinieri del NAS di Bari hanno sequestrato circa 35 tonnellate di conserve alimentari in salamoia (carciofi, giardiniera, funghi, cipolline e olive) rinvenute in pessimo stato di conservazione in un’industria conserviera del barese, per un valore di circa 200mila euro.
I militari avevano individuato uno stabilimento produttivo in cui venivano conservati, all’interno di un cortile, esposti alle intemperie e alle elevate temperature estive, numerosi fusti in plastica della capacità di 220 Kg ciascuno, contenenti conserve vegetali di vario genere in evidente stato di alterazione, percolanti liquido di salamoia maleodorante, invase da muffe, parassiti e insetti vivi. Nella circostanza sono state riscontrate all’interno dello stabilimento anche carenze igieniche e strutturali, che sono state tempestivamente segnalate all’Autorità sanitaria per l’adozione dei provvedimenti di competenza. Il titolare dell’attività, nei cui confronti sono state elevate sanzioni amministrative per 2mila euro, è stato deferito all’Autorità giudiziaria per aver detenuto e commercializzato alimenti mantenuti in cattivo stato di conservazione.