Ottobre 2015

Maltrattamento animale, adulterazione alimentare, commercio di sostanze nocive. Sequestrata un’azienda di macellazione

Il Corpo forestale dello Stato, su delega della Procura di Brescia, ha proceduto al sequestro preventivo di un’azienda di macellazione di Ghedi e all’emissione di avvisi di garanzia a carico del titolare dell’Azienda e di altri dipendenti per adulterazione e commercio di sostanze alimentari nocive, frode nell’esercizio del commercio, maltrattamento di animali e attività di gestione di rifiuti non autorizzata.
Sono stati, inoltre, denunciati per adulterazione e contraffazione di sostanze alimentari e per falso ideologico in atto pubblico alcuni medici del Servizio Veterinario ASL.
I provvedimenti sono scaturiti a seguito di un’intensa attività investigativa da cui è emerso che nel macello intensivo, nelle prime fasi della macellazione, i bovini venivano sottoposti a sevizie mediante pungolamento con forche o mediante l’ausilio di mezzi meccanici.
La carne proveniente dalle macellazioni non presentava poi le caratteristiche igienico-sanitarie necessarie per la sua commercializzazione.
Il provvedimento è consequenziale alla perquisizione e al sequestro effettuati a maggio scorso dall’Autorità Giudiziaria.
Alle operazioni hanno partecipato anche Veterinari ASL per la verifica delle situazioni di benessere animale e delle corrette procedure di macellazione, personale dell’ARPA di Brescia per quanto concerne la presenza di scarichi non autorizzati su un adiacente corso d’acqua e la Polizia Locale di Ghedi per quanto riguarda l’installazione, all’esterno del perimetro aziendale, di un impianto di video-sorveglianza non autorizzato.
Sono state sequestrate le partite di carne presenti in azienda e la relativa documentazione poiché erano evidenti le pessime condizioni degli animali, nonché le scarse condizioni igieniche che inficiavano la qualità delle carni, con potenziale pericolo per la salute pubblica se messe in commercio.
Il Pubblico Ministero titolare delle indagini ha inoltre disposto il prelievo di aliquote di carne e dai risultati delle analisi è emerso che le carni erano caratterizzate da una elevata carica batterica, in qualche caso anche di salmonella.