Dicembre 2015

Unversitari dediti al traffico illegale di rettili e anfibi

Gli agenti del servizio Cites del Corpo forestale dello Stato hanno sequestrato oltre cento esemplari di rettili e anfibi, fra cui 3 crotali (crotalus lepidus), meglio conosciuti come serpenti a sonagli, e un varano (varanus exanthematicus) inclusi nella lista degli animali non detenibili e pericolosi, oltre a 11 pitoni reali (python regius) e 40 dendrobates note come ‘rane freccia’ nel napoletano.
Il carico clandestino era a bordo di un’automobile fermata a Pomigliano D’Arco, che stava partendo alla volta della Germania. Tra gli animali, costretti in condizioni proibitive da oltre 24 ore, è stato ritrovato anche un boa constrictor ormai morto dentro una scatola nascosta sotto alcuni contenitori.
Il traffico illegale era condotto, grazie all’uso dei social network, da un gruppo di insospettabili studenti universitari. Quattro persone, tra i 24 e i 28 anni, sono state denunciate per i reati di commercializzazione e detenzione di specie pericolose, acquisizione senza certificazione di specie in via di estinzione e maltrattamento di animali. Rischiano la reclusione da tre a diciotto mesi di carcere, una multa fino a 30mila euro, nonchè sanzioni amministrative fino a un milione di euro.
“Questo è il risultato di un’attività investigativa protrattasi per circa un anno- spiega la Forestale- dalla quale è emerso il traffico di specie esotiche anche particolarmente pericolose, che venivano trasportate in tutta italia a bordo di autovetture private o noleggiate, da e verso la città di hamm in germania, soprattutto in occasione della fiera erpetologica che si è tenuta nella città tedesca lo scorso ottobre”.