Settembre 2015

Pesca di frodo in Costiera amalfitana e cilentana: sequestrati 5 quintali di tonno rosso e datteri di mare

Lungo tutto il litorale amalfitano e cilentano, i militari della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Salerno hanno sequestrato 5 tonnellate di tonno rosso allo stadio novello, pescato in frode alle vigenti normative. Sei sono le persone denunciate per le violazioni accertate. La pesca di frodo impedisce la possibilità di crescita completa degli esemplari di tonno rosso, compromettendo gravemente la salvaguardia della specie. Gli esemplari recuperati non superavano i 30 cm di lunghezza, a fronte dei 70 cm previsti dalla legge. Tutto il pescato posto in sequestro, dopo essere stato ispezionato dai veterinari dell’ASL e giudicato idoneo al consumo alimentare umano, è stato donato a istituti caritatevoli della provincia di Salerno.
Nel corso delle attività di vigilanza è stato anche fermato, nel Comune di Vico Equense, un soggetto pluripregiudicato sorpreso con 6 kg di datteri di mare appena prelevati dagli scogli sommersi della costiera. L’uomo è stato denunciato a piede libero all’Autorità giudiziaria per i reati di danneggiamento e deturpamento di bellezze naturali, oltre alle specifiche violazioni in materia di pesca, e rischia l’arresto fino a un anno.